Non abbiamo scelto di venire al mondo, ma abbiamo il diritto di scegliere dove vivere l'eternità.

Blog

Come quest’albero

Ciò che è importante per un albero non è l’aspetto esteriore, cioè quanto è rigoglioso. Il suo vero valore si trova nelle radici, non è percettibile visivamente perché esse giacciono all’interno della terra.

Tuttavia almeno una volta all’anno, in una data stagione, l’albero subisce una sorta di mutamento: perde le sue foglie oppure non produce frutti.

Nonostante tutto, anche col passare del tempo, grazie alle sue forti radici, l’albero rimarrà lo stesso di sempre, nulla lo cambierà.

La nostra vita è come questo albero.

Nei periodi (stagioni) di successi (frutti) attireremo sguardi di ammirazione.
Tuttavia, quando arriverà la “stagione del deserto” (perdite, brutte notizie, ecc.), attireremo altri tipi di sguardi.

Quindi, come affrontare una situazione che porta disagio? È semplice!

Se le tue radici rimangono nel ruscello, che è lo Spirito Santo, quando la “stagione dell’Altissimo” arriverà, Lui ti onorerà!

Benedetto l’uomo che confida nell’Eterno e la cui fiducia è l’Eterno! Egli sarà come un albero piantato presso l’acqua, che distende le sue radici lungo il fiume. Non si accorgerà quando viene il caldo e le sue foglie rimarranno verdi, nell’anno di siccità non avrà alcuna preoccupazione e non cesserà di portare frutto. Geremia 17:7-8

Se resterai saldo e fiducioso anche nella stagione di siccità, porterai comunque frutto!

Ha collaborato: Vescovo Alexandre Sento

Vescovo Edir Macedo
Vescovo Edir Macedo

Partecipa! Scrivi il tuo commento su questo post

Lo sai che puoi ricevere i messaggi del mio blog anche per e-mail