Non abbiamo scelto di venire al mondo, ma abbiamo il diritto di scegliere dove vivere l'eternità.

Blog

C’era una volta…

C’era una volta un bel paese, gigante per natura stessa, dove il popolo era eroico e portava con sè un grido clamoroso.

Un paese dove il sole della libertà brillava in raggi luminosi e vividi.

Una nazione che, anche se nutrita di amore e speranza, non è scappata dalla guerra, poiché il suo popolo capiva che l’amore per la patria era di combattere il male, e non fingere di non aver visto niente solo perché vinse un sacco di manioca dagli stranieri.

C’era una volta un posto dove le persone onoravano le loro famiglie e la loro fede, un posto in cui i figli della terra avevano, sì, una madre gentile, e la patria era adorata e protetta.

C’era una volta gente che usava, sì, una mazza forte, combatteva e non fuggiva mai dalla lotta e molto meno temeva la morte.

Un forte paese di persone oneste, che capiva che la figura di un re doveva essere forte e mostrare amore al suo popolo, vincendo le guerre, e non distribuendo un sacchetto pieno di cibo per guadagnare la simpatia e controllo dei più poveri.

C’era una volta un paese dove il popolo capiva l’importanza delle battaglie, e sapeva che solamente attraverso di esse vedrebbe la così tanto sognata libertà.

Una nazione dove l’unico rosso che conosceva erano le tinte dell’annatto stampate sul viso dei suoi splendidi indiani e indiane.

Un paese che lottava solo per il suo verde e giallo.

Ah! Questo paese che sapeva conservare la sua fede e non mescolava il giusto con lo sbagliato solo per sembrare moderno e impegnato nella globalizzazione.

In questo paese si dava valore alle radici e non solo ai rami. Là le persone davano importanza a quello che non si vedeva a occhi nudi, poichè là non esistevano fake news, esistevano soltanto cittadini che dicevano la verità, anche se le loro parole fossero forti.

Sì, questo paese sapeva dare valore alla radice, e non solo alle foglie o ai frutti!

Tra altre mille, sei tu Brasile, oh patria amata!

Bianca Carturani
Ha collaborato: Bianca Carturani

Partecipa! Scrivi il tuo commento su questo post

Lo sai che puoi ricevere i messaggi del mio blog anche per e-mail