Non abbiamo scelto di venire al mondo, ma abbiamo il diritto di scegliere dove vivere l'eternità.

Blog

Se non c’è conflitto, non c’è sacrificio!

Conflitto è ciò che rivela il sacrificio che Dio ci sta chiedendo da mettere sull’Altare. Il diavolo si dispera, poichè sa ciò che lo Spirito Santo realizzerà nella vita di una persona obbediente che sacrifica. Quindi, lui fa di tutto per impedire che sacrifichiamo.

Immagina ciò che deve essere passato nel cuore di Abrahamo, durante i tre giorni di camminata nel deserto, ascoltando la voce di suo figlio innocente, chiedendo:

«Ecco il fuoco e la legna; ma dov’è l’agnello per l’olocausto?». Genesi 22:7

Penso che Satana usò questo momento per parlare forte al cuore di Abrahamo, dicendogli che ciò che Dio voleva che lui facesse era “pazzia” e la sua “perdita” sarebbe irreparabile, oltre a questo, Abrahamo non aveva l’esempio di qualcuno che avesse fatto lo stesso tipo di sacrificio. Lui sarebbe stato il primo a sacrificare in quel modo!

Come padre, i suoi sensi gli dicevano di non sacrificare ciò che lui aspettò per tutta la sua vita, e che era l’unica garanzia di avere discendenti.

Il suo conflitto fu grande, ma Abrahamo non ascoltò la voce del sentimento. Lui rispose, con la freddezza di un servo obbediente, senza lamentarsi o mettere in discussione il suo Signore:

«Figlio mio, DIO provvederà egli stesso l’agnello per l’olocausto» Genesi 22:8

E allora, lui obbedì!!!

Questo mi ricorda il Signore Gesù, quando il Suo “conflitto” interiore fu così grande che il Suo sudore diventò come gocce di sangue, mentre il tempo si avvicinava al più grande e doloroso di tutti i sacrifici della storia umana. Il Suo lato umano (debole) appellò Dio, con il fine di essere “esente” dal sacrificio. Ma, il Suo lato di fede Lo fece finire quella preghiera del modo più perfetto possibile:

«Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! TUTTAVIA NON SIA FATTA LA MIA VOLONTA’ , MA LA TUA». Luca 22:42

Lui reagì concentrandosi nella volontà di Suo Padre e non nella Sua.

La domanda è:
Il tuo sacrificio genera conflitti dentro di te? Quando guardi ciò che Dio ti ha chiesto, senti dolore della perdita? O stai andando all’Altare come se stessi salendo su un palco? Se è così, non sacrificare.

Ha collaborato: Vescovo Randal Brito

Vescovo Edir Macedo
Vescovo Edir Macedo

Partecipa! Scrivi il tuo commento su questo post

Lo sai che puoi ricevere i messaggi del mio blog anche per e-mail