Non abbiamo scelto di venire al mondo, ma abbiamo il diritto di scegliere dove vivere l'eternità.

Blog

Azione o  Preghiera?

Saper separare il momento giusto tra la preghiera e l’attitudine è fondamentale nella conquista dei benefici della fede. Molte volte, si appella alla preghiera quando si dovrebbe prendere un’attitudine. Altre volte, si prende un’attitudine quando si dovrebbe pregare. A causa di questo, le opportunità vengono sprecate e le sconfitte aumentano.

L’esempio di Mosè serve come lezione. All’uscire dall’Egitto, arrivò davanti al Mare Rosso conducendo tre miglioni di persone, dentro i quali anziani, in gravidanza, bambini, neonati, animali, oltre ai suoi beni personali. Dietro a loro, sotto il comando del proprio Faraone, veniva furioso l’esercito egiziano armato fino ai denti. Mosè non aveva armi nè un esercito per difendersi. La mobilità limitata non gli permetteva di fuggire. Tecnicamente, non c’era una via d’uscita.

Molte volte ci troviamo di fronte a simili situazioni. Che cosa fare? La gravità di quei momenti era così intensa che Mosè non pregò. Ma acclamò.

“Perché gridi a me? Di’ ai figli d’Israele di andare avanti. E tu alza il tuo bastone, stendi la tua mano sul mare e dividilo, affinché i figli d’Israele possano passare”, fu la risposta Divina. (Esodo 14:15-16)

Dio ha fornito al Suo popolo il bastone della fede. Tale strumento esige attitudine.
Fede è azione! Se c’è certezza assoluta, c’è fede.
E, se c’è fede, perchè pregare o anche acclamare quando si sa che cosa deve essere fatto?

Vescovo Edir Macedo
Vescovo Edir Macedo

Partecipa! Scrivi il tuo commento su questo post

Lo sai che puoi ricevere i messaggi del mio blog anche per e-mail